PUBBLICITA’: IAA/NIELSEN, RIPRESA SARA’ A META’ 2010

PUBBLICITA’: IAA/NIELSEN, RIPRESA SARA’ A META’ 2010
MILANO
(ANSA) – MILANO, 11 GIU – “Quello che è perso è perso, ma a fine anno ci sarà  una situazione meno negativa, se non in pareggio, anche se non parliamo ancora di ripresa che – secondo il mood generale – sarà  a metà  2010″: parola di Paolo Duranti, Managing Director Nielsen Media Research Sud Europa, che oggi a Milano ha illustrato i dati IAA (International Advertising Association) sullo ‘Scenario Internazionale della Pubblicita”. “Se la pubblicità  su carta stampata soffre maggiormente, non solo per la contingenza economica ma anche per il suo complesso processo di riconversione (-27% quotidiani e -30% periodici), la televisione presenta un calo minore (-16% gen-apr 2009 vs2008) e vive un periodo di fermento e innovazione guidato dalla moltiplicazione delle forme con le quali può essere fruita dall’utente”. In Italia, l’unico mezzo di informazione con dati in positivo è Internet (+7%). Più delicata la situazione negli Usa dove si registra un -2,7%: calano in generale tutti i media, ma in particolare i periodici (-7,5%) e quotidiani (-9,5%). L’unico mezzo che è in costante crescita è la tv via cavo con una penetrazione del 30,6% a fronte di un incremento del numero di canali che hanno raggiunto quota 1992 nel 2008 e di un aumento del tempo trascorso davanti alla tv con una media di 56 ore alla settimana.(segue).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Scende il valore del sistema media rispetto al 2013. Big lontani dal limite

Cairo Communication: nei nove mesi ricavi in calo a 185,7 milioni di euro. Previsto Mol in sostanziale pareggio per La7 a fine anno

Banzai: nei 9 mesi del 2015 i ricavi salgano a 152 milioni; la perdita cresce a 6,5 milioni di euro