Editoria

12 giugno 2009 | 10:07

RCS: CURA DA CAVALLO ALLA PERIODICI (MF)

12 Jun 2009 09:20 CEDT Rcs: cura da cavallo alla Periodici (MF)

MILANO (MF-DJ)–Se trovera’ puntuale esecuzione il piano predisposto dalla casa madre Rcs, illustrato per la prima volta ieri ai rappresentanti sindacali, saranno 90 le unita’ redazionali che tra prepensionamenti, mancati rinnovi e cassa integrazione lasceranno gli uffici di via Rizzoli.

Secondo quanto si apprende da MF, sara’ drastica la cura per recuperare efficienza nella struttura che soffre di piu’ all’interno del gruppo editoriale. In particolare, durante la lunga riunione svoltasi ieri mattina il d.g. della Periodici, Matteo Novelli, e il capo del personale, Vito Ribaudo, si sono confrontati con 18 esponenti dei comitati di redazione sul piano di efficientamento studiato per la divisione che fonda su una decisa revisione di gran parte di settimanali e mensili di proprieta’, compresi quelli delle controllate Sfera, Abitare Segesta e Rizzoli Publishing Italia.

Le soluzioni prospettate dai manager di via Rizzoli sono 40 prepensionamenti, 15 mancati rinnovi di contratti a termine e 35 persone in cassa integrazione straordinaria. Una soluzione, quest’ultima, che nell’intento di Rcs non sara’ definitiva ne’ strutturale ma finalizzata al raggiungimento del risultato preventivato: il riequilibrio finanziario della divisione e, piu’ in generale, dell’intero gruppo. Cio’ significa che, siccome i vertici intendono procedere anche allo sviluppo e al lancio di nuove iniziative, puntando in particolare sulla multimedialita’, non S da escludere che il personale giornalistico che sara’ cassaintegrato, nei prossimi anni venga reinserito in organico.

Novelli e il suo staff hanno messo a punto anche la soluzione alternativa che prevede la costituzione delle unita’ organizzative redazionali: nuove strutture specializzate nelle quali far confluire giornalisti che in questo modo potranno lavorare per tutti i giornali della galassia Rcs. Tutto cio’ non toglie che l’eventualita’ delle chiusure di almeno due o tre periodici non e’ da escludere a priori. Anche se l’azienda, ieri, non ha prospettato nessuna situazione di rischio concreto.

Queste misure d’intervento non piacciono ai sindacati che non vogliono subirle tout court. Infatti l’assemblea pomeridiana dei giornalisti delle societa’ della Periodici ha affidato al comitato di redazione un pacchetto di 12 giorni di sciopero. red/md

(END) Dow Jones Newswires