TV: AIART, NO PUBBLICITA A PROGRAMMI CONTRO LA FAMIGLIA

TV: AIART, NO PUBBLICITA A PROGRAMMI CONTRO LA FAMIGLIA
(V. BERLUSCONI: A INDUSTRIALI, NO PUBBLICITA’… DELLE 13,48)
ROMA

(ANSA) – ROMA, 13 GIU – “Per noi sarebbe meglio non dare la pubblicità  a quelle tv che trasmettono programmi che vanno contro la famiglia,   che propongono volgarità  e violenza, o che minano l’integrità  morale e psichica dei minori”, afferma Luca Borgomeo, presidente dell’associazione di telespettatori
cattolici Aiart, commentando le dichiarazioni del premier Berlusconi di fronte ai giovani industriali.
“Troppe televisioni attentano al modello cristiano di famiglia e propongono spettacoli in cui l’unica cosa che conta é l’immagine e non cosa si sa fare – conclude Borgomeo – Gli inserzionisti pubblicitari facciano più attenzione a che cosa sponsorizzano e al messaggio che questi programmi veicolano”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Scende il valore del sistema media rispetto al 2013. Big lontani dal limite

Cairo Communication: nei nove mesi ricavi in calo a 185,7 milioni di euro. Previsto Mol in sostanziale pareggio per La7 a fine anno

Banzai: nei 9 mesi del 2015 i ricavi salgano a 152 milioni; la perdita cresce a 6,5 milioni di euro