BERLUSCONI: HERALD TRIBUNE, CON MURDOCH FAIDA TRA TITANI

BERLUSCONI: HERALD TRIBUNE, CON MURDOCH FAIDA TRA TITANI
ROMA
(ANSA) – ROMA, 15 GIU – In Italia è in corso “una faida tra titani dei media” (Silvio Berlusconi e Rupert Murdoch) per il controllo del mercato televisivo: una faida destinata a crescere ancora nei prossimi mesi. E’ quanto scrive oggi l’International Herald Tribune in prima pagina. Il presidente del Consiglio, ricorda il quotidiano, ha accusato il proprietario di Sky di aver montato “un attacco personale” contro di lui attraverso uno dei suoi giornali. Accuse che il tycoon australiano ha respinto come un “nonsense”, facendo notare che altri giornali, non controllati da lui, sono stati “molto più critici” con Berlusconi. “Ma se fin qui la disputa può sembrare ridicola come uno sketch del varietà  italiano – scrive l’Herald Tribune -, a un altro livello la rivalità  tra i due è affar serio, e sta crescendo”. Con la conversione al puro sistema del digitale terrestre, spiega infatti il giornale, “potrebbe essere più facile per Mediaset trasformare i telespettatori in abbonati a pagamento, perché le famiglie avrebbero già  accesso alla tecnologia necessaria, mentre i servizi di Sky richiedono l’installazione di una parabola”. Dal canto suo, “Sky sta scommettendo sui contenuti nello sforzo di mantenere la sua posizione dominante (oltre 4,7 milioni di abbonati)”, continua l’Herald Tribune, citando l’esempio di Fiorello passato quest’anno dalla Rai alla tv satellitare. E man mano che la competizione cresce, conclude il quotidiano, “sembra improbabile che queste tensioni tra Murdoch e Berlusconi siano le ultime”.(ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari