DIGITALE TERRESTRE: ROMANI, E’ UNA GRANDE RIVOLUZIONE MONDIALE

DIGITALE TERRESTRE: ROMANI, E’ UNA GRANDE RIVOLUZIONE MONDIALE
(AGI) – Roma, 15 giu. – “Si tratta di una grande rivoluzione mondiale. In questi giorni anche New York sta passando al digitale e in Brasile c’e’ il 66% dei copertura. Non riguarda quindi solo noi”. Lo ha detto a Unomattina, il viceministro delle Comunicazioni Paolo Romani. “con il grande passaggio alle nuove tecnologie si avra’ un servizio pubblico piu’ efficiente e puntuale”. Romani ha detto di essere stato un sostenitore del trasferimento sul digitale in Italia attuandolo regione per regione: “in questo modo – ha spiegato, tutti gli italiani potranno capire con precisione cosa sta avvenendo. C’e’ anche risparmio: la potenza che viene irradiata sul digitale e’ un quarto di quella dell’analogico. L’operazione consentira’ di completare il processo di digitalizzazione del Paese”.
DIGITALE TERRESTRE: ROMANI, E’ UNA GRANDE RIVOLUZIONE MONDIALE (2)
(AGI) – Roma, 15 giu. – “L’Italia rispetto all’Europa e’ un caso-scuola: i Paesi Europei sono interessati al nostro processo. Tutti – ha spiegato il Vice Ministro per le Comunicazioni – passeranno al digitale entro il 2012 ma l’Italia, con la comunicazione che abbiamo fatto, sara’ d’esempio sull’innovazione tecnologica per tutta l’Europa”. Roma quindi, sara’ la prima capitale europea che si avvia alla digitalizzazione terrestre. “Nella notte fra il 15 e 16 giugno, – ha aggiunto Romani – Roma fara’ passare Raidue e Retequattro sul digitale. Ai cittadini non resta che andare a comprare il decoder nel negozio e per coloro che hanno redditi inferiori a determinati limiti, ci sara’ un rimborso di cinquanta euro. E’ attivo un numero verde per dare tutte le informazioni necessarie per il funzionamento del decoder. L’antenna dell’analogico e’ la stessa del digitale.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi