Rivoluzione a Miss Italia: Milly Carlucci: Sarà  come talent show

Rivoluzione a Miss Italia: Milly Carlucci: Sarà  come talent show

La conduttrice sarà  la prima donna a presentare la manifestazione
Roma, 15 giu. (Apcom) – Rivoluzione in rosa a Miss Italia, che festeggia i 70 anni rinnovata e con una conduzione tutta al femminile. Sarà  infatti Milly Carlucci la prima donna a presentare la manifestazione. La conduttrice rivela il nuovo format del concorso nazionale: “Miss Italia sarà  come un talent show. Il talento delle Miss è la bellezza, ma una ragazza non è bella senza personalità . Il nostro primo obiettivo, quindi, – spiega al settimanale ‘Tv Sorrisi e Canzoni’, in edicola domani – è portare le ragazze sotto i riflettori con maggiore visibilità , in modo che il pubblico impari ad amarle, attraverso varie prove in cui si raccontano”.
Le candidate saranno solo 60, poi scenderanno a 40 nella seconda serata e 20 nell’ultima. Diminuiscono anche le puntate: tre appuntamenti in onda il 12, 13 e 14 settembre. “Per me è un’emozione, ma anche una responsabilità . Porterò un segno diverso e sarà  inevitabile: la mia natura femminile mi porta ad osservare in modo differente. Io sono affascinata dalla personalità  – sottolinea – che traspare dallo sguardo. Gli occhi sono lo specchio dell’anima, parlano. Mi attrae la bellezza che nasce dall’unione di varie etnie crea miscele esplosive, portando ricchezza fisica e culturale”.
E per chi non ha la possibilità  di partecipare alle selezioni, c’è ‘Miss Italia Web 2009’. “Una commissione selezionerà  30 candidate da sottoporre via Internet al voto telefonico del pubblico. Le più votate – chiude Milly Carlucci – andranno alle prefinali di Salsomaggiore”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi