DIGITALE TERRESTRE: CODACONS, COSTERA’ 2,4 MLD AGLI ITALIANI

DIGITALE TERRESTRE: CODACONS, COSTERA’ 2,4 MLD AGLI ITALIANI
(AGI) – Roma, 15 giu. – Non sara’ affatto indolore il passaggio al digitale terrestre in Italia. Il Codacons fa sapere che l’operazione, infatti, comportera’ costi non indifferenti per la collettivita’, stimati in almeno 2,4 miliardi di euro. “Se consideriamo un bacino di utenza pari a 20 milioni di famiglie (che non godono del contributo di 50 euro previsto dal ministero dello Sviluppo Economico) e un costo medio del decoder pari a 60 euro”, si legge nella nota stampa del Codacons, “e se si prevede che ogni famiglia acquistera’ almeno due apparecchi disponendo in casa di piu’ televisori, i conti sono presto fatti: 2,4 miliardi di euro. Cifra che si impenna fino ad arrivare a 5 miliardi di euro, se si considera che molti cittadini, in vista del passaggio al digitale, hanno deciso di acquistare un televisore di nuova generazione che include gia’ il decoder (i cui prezzi medi variano dai 300 ai mille euro), e se si pensa che molte famiglie necessiteranno dell’intervento a pagamento di un antennista per regolare le immagini dopo lo Switch-Over”. “Si tratta di spese che dovevano essere sostenute interamente dal Governo, e non dai cittadini, che hanno ben altre priorita’”, afferma il presidente Codacons, Carlo Rienzi. “Non a caso”, prosegue Rienzi, “a seguito di un esposto del Codacons relativo ad una pubblicita’ sul digitale terrestre, l’Antitrust ha aperto una indagine, per verificare eventuali profili di ingannevolezza del messaggio, che lasciava intendere che il passaggio al digitale sarebbe stato gratuito per i cittadini”. “Stiamo studiando azioni legali a tutela degli utenti costretti a spendere i soldi per lo Switch-Over”, conclude Rienzi, “e invitiamo pertanto i cittadini a conservare le ricevute che attestano l’acquisto dei decoder”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi