FACEBOOK

A mettere ordine tra i milioni di profili pubblicati su Facebook, evitando usi impropri o dannosi, provvede un sistema automatico che analizza il contenuto delle pagine e altri parametri e poi decide chi va escluso dal social network. Una sorta di Moloch che a volte colpisce alla cieca. Tra le ultime vittime illustri ci sono Vittorio Zambardino, giornalista di Repubblica, che ha minacciato denunce se non fosse stato subito riammesso (come poi è avvenuto) e don Paolo Padrini, il prete tecnologico collaboratore del Vaticano che ha realizzato un’applicazione per diffondere il messaggio del Papa proprio su Facebook (vedi pagina 124).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

LIQUIDA

IO DONNA

ANSA