Comunicazione

22 giugno 2009 | 14:16

RAI: META (PD), GARIMBERTI ESERCITI FUNZIONI GARANZIA SU TG1

RAI: META (PD), GARIMBERTI ESERCITI FUNZIONI GARANZIA SU TG1

(AGI) – Roma, 22 giu. – “Dopo giorni di ripetuti oscuramenti da parte del Tg1, principale telegiornale del servizio pubblico, sul filone dell’inchiesta di Bari che vedrebbe coinvolto il presidente del Consiglio, chiediamo che il presidente di garanzia della Rai, Paolo Garimberti, convochi il consiglio di amministrazione per audire il Direttore del Tg1 e per affrontare in maniera approfondita il tema dell’informazione e del pluralismo nei telegiornali Rai, i cui principi di obiettivita’, trasparenza e imparzialita’ sono chiaramente indicati nel codice etico dell’azienda”. Lo afferma il capogruppo del Partito Democratico in Commissione Trasporti e Telecomunicazioni alla Camera, Michele Meta. “Confidiamo quindi nell’intervento del presidente della Rai, che avrebbe gia’ incontrato stamani Minzolini, anche perche’ – aggiunge Meta – la convocazione del CdA rientra nelle facolta’ attribuitegli dallo Statuto Rai tutte le volte che lo giudichi necessario”. (AGI) Red
(AGI) – Roma, 22 giu. – “Dopo giorni di ripetuti oscuramenti da parte del Tg1, principale telegiornale del servizio pubblico, sul filone dell’inchiesta di Bari che vedrebbe coinvolto il presidente del Consiglio, chiediamo che il presidente di garanzia della Rai, Paolo Garimberti, convochi il consiglio di amministrazione per audire il Direttore del Tg1 e per affrontare in maniera approfondita il tema dell’informazione e del pluralismo nei telegiornali Rai, i cui principi di obiettivita’, trasparenza e imparzialita’ sono chiaramente indicati nel codice etico dell’azienda”. Lo afferma il capogruppo del Partito Democratico in Commissione Trasporti e Telecomunicazioni alla Camera, Michele Meta. “Confidiamo quindi nell’intervento del presidente della Rai, che avrebbe gia’ incontrato stamani Minzolini, anche perche’ – aggiunge Meta – la convocazione del CdA rientra nelle facolta’ attribuitegli dallo Statuto Rai tutte le volte che lo giudichi necessario”. (AGI) Red