Comunicazione

23 giugno 2009 | 10:44

VIDEO RAGAZZO DISABILE: DIFESA GOOGLE, NO GIORNALISTI IN AULA

VIDEO RAGAZZO DISABILE: DIFESE GOOGLE, NO GIORNALISTI IN AULA
(AGI) – Milano, 23 giu. – Il processo con rito abbreviato a carico di quattro dirigenti di Google, accusati di concorso in diffamazione e violazione della privacy in relazione ad un video caricato sul motore di ricerca in cui un adolescente disabile veniva vessato dai compagni di scuola, si svolgera’ a porte chiuse. La richiesta che l’udienza fosse pubblica, formulata, nei giorni scorsi, al giudice Oscar Magi, da parte di alcuni cronisti italiani ed esteri, tra cui quelli del New York Times e del Wall Street Journal, e’ stata respinta perche’ le difese degli imputati si sono opposte. I cronisti avevano fatto presente, nelle loro istanze, l’interesse pubblico che riveste un processo in cui e’ coinvolto il motore di ricerca piu’ importante del mondo. I pubblici ministeri Alfredo Robledo e Francesco Cajani si erano detti favorevoli all’evenienza delle ‘porte aperte’. Di fronte al diniego delle difese, il commento di Robledo e’ stato ironico: “Prendiamo atto della trasparenza di Google”. Il processo e’ stato aggiornato al 29 settembre per l’assenza del traduttore in relazione alla testimonianza di un ingegnere americano. (AGI) Cli/Ven/Chi