MEZZOGIORNO: DA DOMANI IL NUOVO GIORNALE ON LINE DELLA FONDAZIONE RES

MEZZOGIORNO: DA DOMANI IL NUOVO GIORNALE ON LINE DELLA FONDAZIONE RES

PALERMO (ITALPRESS) – Sara’ pubblicato a partire da domani il primo numero di StrumentiRes, rivista online della Fondazione RES, l’Istituto di Ricerca su Economia e Societa’ in Sicilia promosso da Unicredit Group-Banco di Sicilia e dalla Fondazione Banco di Sicilia e presieduto da Carlo Trigilia.
StrumentiRes, spiega una nota, “nasce in un momento in cui i temi dello sviluppo economico e sociale del Mezzogiorno non trovano piu’ attenzione nei grandi media nazionali e nell’agenda politica”, per questo “intende riaccendere – per la sua parte – le luci su questi temi importanti per tutto il Paese, ma nella convinzione che per farlo occorra cambiare i riflettori”.
Nel primo numero, oltre agli editoriali di presentazione (Gianni Puglisi, Pier Francesco Asso e Carlo Trigilia) sono previsti interventi sulla crisi economica (Ivan Lo Bello) e sulle prospettive a breve e medio termine dell’economia siciliana (Adam Asmundo), sulle riforme istituzionali, con particolare attenzione ai temi del federalismo fiscale (Guido Corso) e della sanita’ (Emmanuele Pavolini), e gli aggiornamenti del quadro economico regionale (Silvana Oliveri). Nei prossimi numeri sono previsti interventi sul sistema dei trasporti, sull’economia della criminalita’, sull’impiego dei fondi strutturali destinati al finanziamento delle innovazioni, sullo stato di salute delle citta’ siciliane. Da domani sara’ possibile iscriversi alla newsletter di StrumentiRes dal sito www.strumentires.it, o inviando una mail con oggetto “Iscriviti” all’indirizzo di posta elettronica iscriviti@strumentires.it.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari