LA7: CONFERMATA RACCOLTA PUBBLICITA’, RIDOTTE PERDITE

LA7: CONFERMATA RACCOLTA PUBBLICITA’, RIDOTTE PERDITE
MILANO
(ANSA) – MILANO, 23 GIU – In un anno La7, la tv di Telecom Italia Media, ha ridotto le perdite ad un quarto, mentre la raccolta pubblicitaria di quest’anno sta registrando gli stessi dati del 2008. Lo hanno confermato l’ad Mauro Nanni e il vicepresidente Giovanni Stella alla presentazione dei palinsesti autunnali. “Dopo un anno e mezzo possiamo dire che le perdite sono ridotte ad un quarto, ripeto ad un quarto non di un quarto – ha detto Giovanni Stella, vicepresidente Telecom Italia Media – Tutto ciò senza che la tv abbia perso nulla in qualità  e quantità  e senza che gli ascolti siano diminuiti”. Bilancio positivo anche per la raccolta pubblicitaria. “In un mercato che ha registrato una flessione del 18% – ha detto l’ad Mauro Nanni – La7 conferma i dati dello scorso anno”. Tra le novità  del prossimo palinsesto, un programma economico con Myrta Merlino, le conferme di Antonello Piroso, Lilli Gruber e Ilaria D’Amico e il ritorno di Maurizio Crozza.(ANSA).

LA7: CONFERMATA RACCOLTA PUBBLICITA’, RIDOTTE PERDITE (2)
MILANO
(ANSA) – MILANO, 23 GIU – “La riduzione delle perdite può ancora migliorare con un lungo lavoro, difficile invece raggiungere il pareggiamento economico”, ha aggiunto durante la conferenza stampa, Stella, vicepresidente Telecom Italia Media, ricordando che la raccoltà  pubblicitaria è legata allo share rilevato da Auditel. Gli ascolti, secondo i rilevamenti, si attestano attorno al 3%. Rispondendo ad una domanda se nel piano di risanamento perdite, è prevista anche la cessione multiplex, Stella ha risposto: “abbiamo ricevuto delle offerte, stiamo valutando, speriamo di concludere entro anno”.(ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi