RAI: LEONE, NON E’ OBBLIGATA A OFFRIRE CONTENUTI GRATIS

RAI: LEONE, NON E’ OBBLIGATA A OFFRIRE CONTENUTI GRATIS
E IN PROSPETTIVA NON E’ ESCLUSO CHE FACCIA LA PAY TV
ROMA
(ANSA) – ROMA, 24 GIU – “La Rai non è obbligata a offrire gratuitamente i propri contenuti sulle piattaforme commerciali”: lo ha ribadito il vicedirettore generale Giancarlo Leone intervenuto oggi alla presentazione del rapporto It-Media Consulting sul mercato televisivo. “Non è un messaggio che riguarda Sky, ma tutte le piattaforme”, ha precisato Leone, pur ricordando che con la tv satellitare di Rupert Murdoch “é in corso una trattativa per il rinnovo del contratto per i canali di Rai Sat, in scadenza il 30 luglio, e ci sono stati contatti tra il direttore generale Rai, Mauro Masi, e l’amministratore delegato di Sky Italia, Tom Mockridge. Si tratta di una negoziazione tra aziende che hanno interesse a diffondere i propri contenuti e il proprio segnale, ma anche a tutelare il proprio core business”. Entro luglio, ha confermato Leone, sarà  lanciato Tivù Sat, il nuovo bouquet satellitare gratuito messa a punto da Viale Mazzini con Mediaset e Telecom Italia Media con il primo obiettivo di integrare l’offerta sul digitale terrestre. Un fronte sul quale la Rai è partita con “otto canali gratuiti”, ha ricordato il vicedg. “Ma questo non vuol dire – ha sottolineato – che la Rai chiuda le porte alla pay tv: possiamo fare i canali a pagamento e non si esclude che un domani ce ne occupiamo”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi