Editoria

26 giugno 2009 | 18:10

Apc-Giornalisti/ Modena, Consegnata borsa studio “Guglielmo Zucconi”

Apc-Giornalisti/ Modena, Consegnata borsa studio “Guglielmo Zucconi”
14 i partecipanti: vincitore Miserendino, premio speciale Ferri

Modena, 26 giu. (Apcom) – E’ stata assegnata a Davide Miserendino, 21 anni, collaboratore del Resto del Carlino, la Borsa di studio da 4mila euro intitolata a Guglielmo Zucconi e consegnata dal figlio Vittorio, inviato di Repubblica negli Stati Uniti e direttore di Radio Capital, nel corso di un incontro con la stampa che si è svolto oggi a Modena. L’iniziativa è stata promossa dalla famiglia Zucconi, dalla Provincia, dal Centro culturale Francesco Luigi Ferrari, dall’Associazione Stampa modenese e dal Rotary Club Modena “Ludovico Antonio Muratori”.
I giovani giornalisti selezionati erano 14 e tra questi lo stesso Zucconi ha indicato la terna dei finalisti: oltre a Miserendino, la giornalista dell’Informazione di Modena e di E’-tv Antenna 1 Anna Ferri e il giornalista praticante del Riformista Stefano Feltri, già  collaboratore della Gazzetta di Modena. Ad Anna Ferri è stato assegnato un premio speciale dal valore di mille euro per svolgere un’inchiesta sulla storia del giornalismo modenese.
Tutti i partecipanti hanno un’età  compresa tra i 18 e i trent’anni. Gli altri erano: Ismaele El Swarky, Luca Gardinale, Gian Paolo Maini, Martina Merico, Linda Petracca, Maria Chiara Rioli, Giancarlo Scarpa, Luca Sgarbi, Andrea Solieri, Edoardo Stefani, Sara Zuccoli.
La Borsa di studio “Guglielmo Zucconi” è finalizzata a sostenere l’attività  formativa dei giovani modenesi che già  svolgono attività  giornalistica e che intendono proseguirla. Oltre che sugli articoli o sui servizi radio-televisivi presentati, infatti, la giuria ha operato la scelta anche rispetto al piano di formazione presentato e al quale è destinato il contributo economico. Guglielmo Zucconi giornalista di origine modenese, direttore prima della redazione de Il Resto del Carlino e poi della Gazzetta di Modena, conduttore televisivo e narratore, è scomparso 11 anni fa all’età  di 78 anni. Dal 1964 al 1973 diresse La Domenica del Corriere, dal 1980 al 1984 il quotidiano il Giorno. Conduttore di trasmissioni televisive tra il 1984 e il 1990, ha insegnato “Teoria e tecnica di giornalismo” alla Scuola di Comunicazione sociali e alla facoltà  di Scienze politiche dell’Università  Cattolica. Zucconi è stato anche deputato tra il 1976 e il 1979.
Nell’introdurre l’incontro, al quale è intervenuto anche il presidente della Provincia Emilio Sabattini, il presidente dell’Associazione stampa modenese Ettore Tazzioli ha ricordato come la finalità  dell’iniziativa sia “promuovere la qualità  dei giovani giornalisti aiutandoli nel percorso formativo”. Tema ripreso dal presidente del Rotary Giorgio Galizia e dal presidente del centro Ferrari Gianpietro Cavazza.
Ricordando il padre Guglielmo, Vittorio Zucconi lo ha definito “insegnante di giornalismo” che ha sempre invitato i giovani a svolgere la professione “consumando la suola delle scarpe per raccogliere direttamente fatti e opinioni”.