INTERCETTAZIONI: SCIOPERO GIORNALISTI IL 13 LUGLIO

INTERCETTAZIONI: SCIOPERO GIORNALISTI IL 13 LUGLIO
ROMA
(ANSA) – ROMA, 30 GIU – I giornalisti – si legge in un una nota della Fnsi – “si fermeranno nei prossimi giorni per una giornata di silenzio, il 14 luglio prossimo (con blocco però dell’attività  nella carta stampata il 13), per contrastare il ddl Alfano sulle intercettazioni che introduce inaccettabili divieti al diritto di informazione sulle indagini e sulle inchieste giudiziarie”.(SEGUE)

INTERCETTAZIONI: SCIOPERO GIORNALISTI IL 13 LUGLIO (2)
ROMA
(ANSA) – ROMA, 30 GIU – E’ la decisione del Consiglio Nazionale della Stampa Italiana riunito oggi a Roma, che ha approvato con un solo voto contrario e due astenuti la proposta della giornata di protesta di tutto il nostro giornalismo avanzata dal Segretario Generale, Franco Siddi. “La giornata di astensione dell’informazione, alla quale i giornalisti sono costretti dopo un anno di iniziative civili, di confronto e di dibattito e denuncia per la libertà  dell’informazione, senza censure e intimidazioni – si legge nella nota della Fnsi – è lo strumento con il quale si vuole marcare una volta di più l’ indignazione più ferma di fronte alle previsioni del ddl Alfano: un bavaglio ai giornalisti e la sanzione (un danno economico) per gli editori al fine di impedire di dar conto delle notizie sulle indagini giudiziarie negli organi d’informazione; la pesante limitazione del diritto dei cittadini a sapere o essere informati su fatti importanti per la loro vita”. “Non si sciopererà , quindi, per un aumento di stipendio ma – sottolinea il sindacato – per un aumento della libertà  nel nostro Paese”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari