Televisione

02 luglio 2009 | 10:21

TV: PIERSILVIO BERLUSCONI, 2009 ANNO DEL DIGITALE TERRESTRE

TV: PIERSILVIO BERLUSCONI, 2009 ANNO DEL DIGITALE TERRESTRE
OGGI CI SONO TRE MILIONI E MEZZO DI CARTE PREMIUM ATTIVE
COLOGNO MONZESE (MILANO)
(ANSA) – COLOGNO MONZESE (MILANO), 2 LUG – “Il 2009 per la tv è un anno di svolta che si chiama digitale terrestre. Ormai é chiaro a tutti, non è più una prospettiva, è una realtà  che coinvolge tutte le famiglie italiane”. Lo ha detto il vice presidente Mediaset, Piersilvio Berlusconi, alla presentazione dei palisesti autunnali di Canale 5, Italia 1 e Retequattro. “Entro il 2013 – ha continuato il vicepresidente Mediaset – l’analogico si spegnerà  in tutto il mondo, dal Giappone all’America. Ci troviamo davanti a una vera e propria rivoluzione destinata a cambiare la tv come la conosciamo. Noi potevamo decidere di fare il minimo e invece con vero spirito imprenditoriale abbiamo deciso di cavalcare al massimo nel digitale terrestre investendo in nuove strutture e contenuti”. E, “fare – ha aggiunto – vuol sempre dire rischiare e già  oggi possiamo dire che abbiamo fatto bene perché Mediaset ha conquistato vari vantaggi”. Tre i principali: “con il lancio di nuove reti gratuite ci siamo mossi per primi in Italia. Abbiamo costruito – ha spiegato Piersilvio Berlusconi – canali free gratuiti ma tematici: Boeing per bambini e ragazzi, che è per ascolto tra i canali tematici la prima rete in Italia compreso il satellite e l’ottava rete dopo le generaliste. E’ nata Iris e stiamo lavorando al nuovo progetto Italia 2 che sarà  molto giovane e spregiudicato”. Poi c’é la “grande invenzione di Premium. Nessuno al mondo aveva mai provato a lanciare una pay tv con carta prepagata. Lo abbiamo fatto al meglio con 14 offerte. Oggi ci sono 3 milioni e mezzo di carte Premium attive. Con più canali e offerte arriva l’erosione d’ascolto per le grandi reti ma lo scenario frammentato porta più valore alla tv generalista che rimangono le uniche a conquistare grandi ascolti”. (ANSA).