EDITORIA: ANDREA FAGIOLI DIRETTORE “TOSCANA OGGI”

EDITORIA: ANDREA FAGIOLI DIRETTORE “TOSCANA OGGI”
(AGI) – Firenze, 2 lug. – Andrea Fagioli e’ il nuovo direttore di “Toscana Oggi”. Lo ha nominato il Consiglio d’amministrazione della Cooperativa Firenze 2000, editrice del settimanale. La notizia compare stamani sul sito www.toscanaoggi.it ed e’ pubblicata sul numero del giornale in distribuzione da domani, venerdi’ 3 luglio. Giornalista professionista, laureato in lettere, sposato, tre figli, Andrea Fagioli (Firenze, 1956) ha sempre svolto la sua attivita’ nella stampa cattolica. Ha lavorato a “Toscana Oggi” sin dalla fondazione, nel 1983. E’ stato poi, dal 1994 al 1996, a Milano come vicecaporedattore al quotidiano “Avvenire”, di cui e’ tuttora collaboratore. Rientrato a “Toscana Oggi” nel 1997, dopo un breve periodo a Roma presso l’Agenzia Sir, ha assunto nel 1998 l’incarico del coordinamento editoriale per poi essere nominato vicedirettore nel febbraio 2004. Ha collaborato alla Terza Pagina dell'”Osservatore Romano”, ha condotto per alcuni anni una rassegna stampa quotidiana a Radio Toscana ed e’ stato presidente regionale e consigliere nazionale dell’Ucsi (l’Unione cattolica della stampa italiana). Dal luglio 2006 dirige la rivista di educazione audiovisiva “Edav” del Centro internazionale dello spettacolo e della comunicazione sociale. E’ autore di libri-intervista come Nazareno Taddei, un gesuita avanti. (Edav edizioni) e Don Divo Barsotti, il cercatore di Dio (Societa’ editrice fiorentina). Altri suoi scritti sono stati pubblicati nei volumi della San Paolo Testimoni della Chiesa italiana (a cura di Elio Guerriero) e I cristiani vogliono essere cristiani (a cura di Paolo Canal).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari