TV: CALABRO’, RIFORMARE PAR CONDICIO, SOPRATTUTTO NEI TG

Tv: Calabro’; riformare par condicio, soprattutto nei tg

ROMA (MF-DJ)–Alla luce delle mutate condizioni del sistema della comunicazione, “appare opportuna una riflessione su una riforma della par condicio, che garantisca pluralismo ed equilibrio”.
Lo afferma nella sua relazione annuale il presidente dell’Agcom, Corrado Calabro’, secondo cui “emerge un problema di completezza e obiettivita’ dell’informazione, soprattutto nei telegiornali, anche al di fuori del periodo elettorale”.
Il presidente dedica poi ampio spazio alla qualita’ dell’informazione, analizzando i temi che maggiormente vengono affrontati nei telegiornali delle emittenti tv: da questi dati emerge che la cronaca occupa il 25,2% del tempo di diffusione, la politica il 25%, l’economia e lavoro l”8,4%, lo sport il 6,9%, lo spettacolo il 4,1%, costume e societa’ il 2,4%, la cultura l’1,6%. Questa situazione “ripiegata sui fatti di casa nostra, specie di cronaca nera”, fa dire a Calabro’ che “investire parte delle risorse derivanti dal canone per migliorare la qualita’ dell’informazione televisiva e’ uno degli obiettivi prioritari delle linee guida che l’Autorita’ emanera’ per il nuovo contratto di servizio”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi