Televisione

10 luglio 2009 | 10:37

Mediaset/ Previsioni fosche e sfide all’orizzonte

Mediaset/ Previsioni fosche e sfide all’orizzonte (FT)
The Lex column: “Ritorno al sole potrebbe eclissarsi”

Roma, 10 lug. (Apcom) – Mentre il sole sta splendendo all’Aquila per Silvio Berlusconi, per Mediaset sembrano addensarsi delle nubi. Inizia così la ‘Lex column’ del Financial Times dedicata a al gruppo televisivo controllato dalla famiglia del presidente del Consiglio.
Gli azionisti, con Fininvest in testa, scrive Ft, hanno risentito in maniera relativamente lieve degli effetti della crisi, con un calo a due cifre nelle vendite e i profitti dimezzati nel primo trimestre). Compresi i dividendi, Mediaset ha restituito il 3,3 per cento negli ultimi 12 mesi, rispetto ai rendimenti negativi dell’inglese Itv e della lussemburghese RTL. E quest’anno le sue azioni hanno reso l’8% in più rispetto al listino italiano.
Questa capacità  di recupero, sottolinea il quotidiano finanziario, è stata possibile in parte allo stesso Berlusconi.
L’anno scorso, ricorda il Financial Times, è anche avvenuto il sorpasso di Sky Italia su Mediaset conquistando il secondo posto nel panorama delle tv italiane, nonostante a dicembre il governo Berlusconi ha raddoppiato l’Iva sulle pay Tv. Più di recente la Rai ha minacciato di non rinnovare il contratto con Sky per la fornitura dei suoi canali sulla piattaforma satellitare.
L’influenza di Berlusconi sui media italiani, sottolinea il quotidiano, è leggendaria, così come la presa di Mediaset sul mercato locale. La società  gode di uno dei più alti margini di profitto in Europa, ma deve affrontare alcune importanti sfide strutturali: internet Tv e la pay Tv, che rappresentano ancora una piccola parte del business di Mediaset, stanno crescendo. Ma con i tre quarti dei ricavi domestici che dipendono dalla pubblicità  e le azioni scambiate con multipli 15 volte superiori agli utili 2009, il ritorno del sole sul cielo di Mediaset potrebbe essere eclissato.