TELECOM:MARCHE A 20 MEGA, 1/O ACCORDO PER DIGITAL PROSPERITY

TELECOM:MARCHE A 20 MEGA, 1/O ACCORDO PER DIGITAL PROSPERITY
ANCONA
(ANSA) – Ancona, 10 LUG – Le Marche “modello di best practice italiana per l’accesso ai servizi in banda larga”. Così il presidente di Telecom Italia Gabriele Galateri di Genola ha commentato l’accordo sottoscritto oggi con la Regione Marche per portare l’operatività  della banda larga (oggi operante a un massimo di 4 mega) a 7 mega entro il 2010 e a 20 mega entro il 2012, in relazione alla nuova rete in fibra ottica. “Le Marche sono la prima Regione – ha rilevato il governatore Gian Mario Spacca – a sottoscrivere un accordo del genere, che con un investimento complessivo di 74 milioni di euro, porterà  alla copertura con la banda larga di seconda generazione di tutto il territorio regionale (a oggi il 15% è ancora escluso) e a un eccezionale incremento della velocità  e della capacità  di collegamento”. Benefici – hanno aggiunto Di Genola e Spacca – per pubbliche amministrazioni, cittadini e imprese; “un cambio di paradigma fondamentale – ha sottolineato in particolare il presidente di Telecom – che ci conduce dal ‘digital divide’ alla ‘digital prosperity'”. Molti i settori su cui sono previste ricadute positive: socio-sanitario, turistico, sicurezza, e-government e tessuto imprenditoriale, “che non soffrirà  più – è stato detto – degli squilibri fra costa ed entroterrà , con un aumento complessivo di competitività  e sviluppo di servizi innovativi”. “Con questi 74 milioni – ha osservato infine Spacca – otterremo benefici analoghi a quelli che otterremo con l’investimento di 4,8 miliardi per le infrastrutture viarie”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci