RAI: PROGRAMMI OSCURATI, ESPOSTO ALTROCONSUMO AD UE ED AGCOM

RAI: PROGRAMMI OSCURATI, ESPOSTO ALTROCONSUMO AD UE ED AGCOM
(AGI) – Bruxelles, 10 lug. – Nel periodo dal 16 aprile 2009 al 21 giugno 2009, oltre 1.800.000 telespettarori muniti di decoder satellitari non hanno potuto vedere circa 357 programmi dei canali Rai 1, Rai 2 e Rai 3. Tra le trasmissioni oscurate risultano almeno diciotto edizioni di tg nazionali. Inoltre dal 14 luglio 2008 Rai non rende disponibile, neppure parzialmente, sulle piattaforme distributive satellitari il canale televisivo di servizio pubblico Rai 4, visibile unicamente attraverso ricevitori digitali terrestri. Con queste ed altre motivazioni Altroconsumo ha depositato oggi un esposto, presso l’Autorita’ per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom), per oscuramento delle trasmissioni del servizio pubblico radiotelevisivo Rai. Esposto che e’ stato inviato anche all’Antitrust e alle dg Concorrenza e societa’ dell’informazione della Commissione europea. Il testo integrale e’ consultabile sul sito www.altroconsumo.it. L’associazione indipendente di consumatori chiede all’Autorità  di intervenire sollecitamente aprendo un’istruttoria per garantire la fruizione del servizio pubblico radiotelevisivo. Altroconsumo chiede ad Agcom di verificare quanto riportato sulla stampa circa la tecnologia di decodifica Nagra adottata dalla nuova piattaforma satellitare Tivu Sat utilizzata da Rai, Mediaset e Telecom a partire dal 1 agosto 2009. Secondo gli esperti di settore, infatti, con la nuova tecnologia di decodifica oltre 6.445.000 decoder gia’ presenti nelle case degli italiani non potranno vedere i contenuti criptati sulla nuova piattaforma.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi