Televisione

15 luglio 2009 | 16:51

RAI: AGCOM VALUTA TIVU’ E OBBLIGO PRESENZA SU SATELLITE

RAI: AGCOM VALUTA TIVU’ E OBBLIGO PRESENZA SU SATELLITE
CALABRO’, APERTA ISTRUTTORIA SU ALLEANZA RAI, MEDIASET, TI MEDIA

(ANSA) – ROMA, 15 LUG – La questione dell’obbligo della presenza della Rai su tutte le piattaforme, uno degli aspetti centrali della trattativa tra la tv pubblica e Sky, è all’attenzione dell’Autorità  per le garanzie nelle Comunicazioni, che ha aperto un’istruttoria su Tivù, la società  nata dall’alleanza tra Viale Mazzini, Mediaset e Telecom Italia Media, operativa a giorni con la nuova offerta gratuita sul satellite Tivù Sat. Lo ha spiegato il presidente dell’Agcom, Corrado Calabrò, ascoltato oggi in commissione di Vigilanza. “Stiamo valutando l’impatto dell’operazione Tivù – ha spiegato Calabrò – anche sotto il profilo degli obblighi del contratto di servizio, stante la necessità  di una corretta fruizione dei canali del servizio pubblico da parte degli utenti sulle varie piattaforme trasmissive”. L’Autorità , ha annunciato il presidente, “sta esaminando il dossier della costituzione di Tivù, joint venture tra Rai, Mediaset e Telecom: l’intesa ci è stata notificata, ma l’istruttoria non è ancora conclusa perché non ci è stato ancora inviato il contratto per la fornitura di servizi. La concessionaria pubblica si è riservata di trasmettercelo appena sarà  stato siglato. L’operazione – ha aggiunto Calabrò – presenta profili di competenza dell’Antitrust, per quanto riguarda la concorrenza, e di nostro interesse, per quanto attiene alla tutela del pluralismo”. Al responsabile comunicazione del Pd Paolo Gentiloni, che ha citato l’articolo 26 del contratto di servizio e appunto il ‘must offer’, cioé l’obbligo per la Rai di proporre la sua offerta su tutte le piattaforme, Calabrò ha poi risposto: “Siamo pronti a svolgere tutti gli interventi del caso”.