CINEMA: “2012” PRIMO FILM IN ITALIA A IMPATTO ZERO

CINEMA: “2012” PRIMO FILM IN ITALIA A IMPATTO ZERO

ROMA (ITALPRESS) – Il film “2012” per la regia di Roland Emmerich e’ il primo in Italia ad essere distribuito a Impatto Zero. E’ la prima volta che una major americana si impegna in un progetto ambientale cosi’ importante: la Sony Pictures Releasing Italia ha infatti scelto di aderire al progetto Impatto Zero di LifeGate per ridurre e compensare le emissioni di anidride carbonica generate dalla distribuzione e dal lancio in Italia del film, in uscita in tutte le sale il 13 novembre. L’operazione consentira’ di compensare oltre 45.000 kg di CO2 attraverso la creazione e tutela di 21.680 mq di foreste in Costa Rica. L’analisi d’impatto ambientale eseguita da LifeGate ha considerato i consumi di energia elettrica per l’organizzazione dell’anteprima del film, il materiale di comunicazione prodotto, cartonati, poster, stand, affissioni e la distribuzione della pellicola nelle sale cinematografiche.
Roland Emmerich, regista di altri disaster movie come Independence Day e The day after Tomorrow, in “2012” parte da una profezia maya secondo la quale il mondo finira’ il 21 dicembre 2012 e racconta la catastrofe ambientale del nostro pianeta dovuta all’instabilita’ del clima e alla follia dell’intera umanita’ rispetto all’ambiente.
Infatti proprio durante un immaginario G8 del 2010 in Spagna, i paesi piu’ industrializzati decideranno come cercare di salvare l’umanita’ rispetto ad un’imminente catastrofe. L’atteso film, distribuito dalla Sony Pictures Releasing Italia, uscira’ in contemporanea mondiale, il 13 novembre.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo