RAI: MERLO, TERZA RETE E TG3 ESEMPIO DI VERO SERVIZIO PUBBLICO

RAI: MERLO, TERZA RETE E TG3 ESEMPIO DI VERO SERVIZIO PUBBLICO
(AGI) – Roma, 22 lug. – “Ho piena fiducia nelle recenti dichiarazioni del presidente Garimberti sulla necessita’ di chiudere entro l’estate il delicato capitolo delle nomine Rai. Ma, al di la’ delle testate e delle reti cosiddetti vacanti, credo sia importante ricordare che accanto al criterio della ‘condivisione’ delle scelte dei futuri direttori non si possa dimenticare anche la professionalita’ e la specificita’ che accompagna queste nomine. A cominciare proprio da Rai Tre e dal Tg3 che in questi anni – sotto la gestione Ruffini e DiBella – hanno saputo declinare un autentico profilo di servizio pubblico senza clamori e senza vacui e ridicoli protagonismi personali. Un esempio di come si puo’ fare buona televisione rispettando i criteri del pluralismo, dell’imparzialita’ e del giornalismo di inchiesta. Ogni ipotesi di ‘normalizzazione’ di questa testata e di questa rete sarebbe nefasta, nociva e carica di conseguenze negative per la stessa credibilita’ della Rai”. Lo afferma Giorgio Merlo (Pd), vicepresidente della commissione Vigilanza Rai.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi