TV: GENTILONI, TIVU’SAT UNA POSIZIONE DOMINANTE CONGIUNTA

TV: GENTILONI, TIVU’SAT UNA POSIZIONE DOMINANTE CONGIUNTA

(AGI) – Roma, 22 lug. – “Rai e Mediaset oggi hanno fatto di tutto per presentare Tivu Sat come se si trattasse di un mini accordo di natura tecnica. Ma gli interrogativi restano”: lo dichiara il responsabile comunicazione del Partito democratico Paolo Gentiloni. “Una societa’ in cui Rai e Mediaset mettono in comune strategie e tecnologie sembra la prova provata di quella ‘posizione dominante congiunta’ denunciata da Agcom nella sua analisi del mercato della tv generalista gratuita”, sottolinea Gentiloni. “E sorprende – prosegue il responsabile comunicazione del Pd – che una operazione di concentrazione di simili proporzioni venga fatta partire senza il necessario nulla osta delle Autorita’ di garanzia e con il rischio che nei prossimi novanta giorni i suoi atti vengano dichiarati nulli. A chi verrebbe attribuita in quel caso la responsabilita’ della falsa partenza e delle eventuali relative sanzioni?”, si chiede Gentiloni. “Ancora piu’ grave – secondo l’esponente del Partito democratico – e’ poi la prospettiva di utilizzare la piattaforma Tivu per togliere i programmi Rai da Sky. Una scelta del genere sarebbe in contrasto con l’articolo 26 del Contratto di servizio che impone a Rai di essere presente nelle diverse piattaforme e costringerebbe milioni di italiani che gia’ pagano il canone ad acquistare un nuovo decoder per vedere i normali programmi del servizio pubblico”, osserva Gentiloni che conclude: “I vertici Rai oggi hanno negato che questa sia la loro intenzione. Ma si tratta di un cambio di rotta o di un semplice rinvio?”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi