Rai: Leone, Sky voleva canali free gratis

Rai: Leone, Sky voleva canali free gratis
ROMA (MF-DJ)–Il mancato rinnovo del contratto tra Rai e Sky su Raisat e’ avvenuto “a causa di un vincolo posto da Sky sulla gratuita’ di tutti i canali free che Rai diffonde. Sky voleva i canali Rai in chiaro ma gratis. Per Sky era diventato imprescindibile ottenere, oltre all’offerta Raisat, anche tutti i canali Rai in chiaro, ma a titolo non oneroso, interpretando l’art.26 del contratto di servizio”. Lo ha spiegato il vicedirettore generale della Rai, Giancarlo Leone, durante un’audizione nella Commissione di vigilanza Rai, aggiungendo che “non si e’ potuto entrare nel merito della complessa trattativa a causa della indisponibilita’ di Sky”. Leone ha inoltre riferito in audizione di aver letto in Cda la relazione del direttore generale, Mauro Masi, sulla trattativa spiegando che “la pretesa obbligatorieta’ di Sky che si appellava per questo al contratto di servizio, della messa a disposizione di tutti i canali free e’ stato il motivo centrale per cui il direttore generale non ha ravvisato le condizioni per la permanenza dei canali Raisat sulla piattaforma Sky”. A chi in commissione chiedeva se la Rai ha avanzato una controproposta a Sky, il presidente della tv di Viale Mazzini, Paolo Garimberti, ha detto: “non mi risulta che Rai abbia presentato una controproposta economica o abbia rilanciato. Su questo punto c’e’ un Consiglio aperto”. Leone ha invece spiegato che la “Rai non ha fatto nessuna proposta economica a Sky perche’ quest’ultima ci aveva detto di non fare proposte sui canali free” in quanto non intendeva piu’ valorizzarli in alcun modo. “Quindi non e’ stata una furbizia della Rai”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi