Rai/ Annozero, De Laurentiis: Dg sciolga subito nodo Travaglio

Apc-Rai/ Annozero, De Laurentiis: Dg sciolga subito nodo Travaglio
Nomine siano condivise e di qualità , no a moltiplicare vertici

Torino, 25 set. (Apcom) – Premette di non aver visto l’esordio di ‘Annozero’ e prende atto della buona performance degli ascolti ottenuti da Michele Santoro ieri sera: “Non ho visto Annozero.
Prendo atto del risultato positivo, al di là  dei contenuti. Da quanto leggo sui giornali mi sembra che sia stata però una trasmissione un po’ noiosa…” Ma il consigliere di amministrazione della Rai in quota Udc, Rodolfo De Laurentiis, al direttore generale chiede di sciogliere al più presto il nodo del contratto di Marco Travaglio: “E’ competenza del dg, aspettiamo che Masi sciolga i dubbi e le criticità  di cui ha parlato anche in cda. Lo deve fare, e mi auguro che lo faccia il prima possibile”.

“La mia idea del servizio pubblico – osserva – è pluralista. Sono contrario alla censura preventiva”. L’informazione deve essere “obiettiva, di qualità  e anche graffiante”.

“Detto ciò – aggiunge De Laurentiis – rimango dell’idea che il servizio pubblico non deve essere nè una passerella per esponenti del governo e della maggioranza, nè un tribunale dell’inquisizione, ma deve essere al servizio della collettività , deve informare obiettivamente e fare uno sforzo per migliorare la qualità  dell’offerta. Sono, del resto, i temi all’odg del dibattito per il rinnovo del contratto di servizio”.

Quanto alle nomine che ancora attendono il vertice Rai, De Laurentiis ha affermato: “Mi auguro che le scelte, oltre che essere condivise, siano fatte in base a professionalità  e qualità , senza amplificare, come è successo in questi giorni, le figure dirigenziali”, ha concluso riferendosi a quella che considera una “moltiplicazione” delle poltrone di vertice.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi