RAI: DA ZEFFIRELLI A SQUITIERI, SI A CAMPAGNA ANTI-CANONE

RAI: DA ZEFFIRELLI A SQUITIERI, SI A CAMPAGNA ANTI-CANONE
ROMA
(ANSA) – ROMA, 28 SET – Dal regista Franco Zeffirelli al campione di ciclismo Francesco Moser, dall’eurodeputata e cantante Iva Zanicchi al docente della Bocconi Roberto Perotti, dal regista Pasquale Squitieri al presidente del Palermo Zamparini: tutti d’accordo ad appoggiare l’iniziativa di protesta del Giornale (e di Libero) contro il canone Rai. “Disgustato dalla televisione come arma di propaganda”, dice al Giornale Zeffirelli. Migliaia di mail in poche ore, scrive il quotidiano diretto da Vittorio Feltri, hanno intasato la posta del Giornale: consigli, domande, dubbi, suggerimenti sulle modalità  di disdetta del canone Rai. Alcuni personaggi interpellati non hanno sottoscritto la campagna del Giornale, “pur condividendo però l’allarme per la deriva della tv di stato”, è scritto oggi a pagina 6, tra le sei pagine dedicate alla campagna anti-canone. Squitieri ha ammesso: “mai pagato per scelta. La Rai è un’azienda vecchia che manda in onda nonno Libero in prima serata. la trasmissione di Santoro è solo una buffonata. Io guardo Canale 5 e La7”. Per Iva Zanicchi, “bastano i guadagni della pubblicità . Io il canone Rai lo avrei gia” tolto da anni”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi