Rai/Landolfi:Contro Annozero è la Vigilanza che deve intervenire E’ doveroso e giusto che se ne occupi lei più che Governo

Apc-Rai/Landolfi:Contro Annozero è la Vigilanza che deve intervenire
E’ doveroso e giusto che se ne occupi lei più che Governo

Napoli, 28 set. (Apcom) – La trasmissione ‘Annozero’ ha violato il pluralismo ed è necessario l’intervento tempestivo della commissione parlamentare di Vigilanza. Lo ha affermato Mario Landolfi, attuale membro della Commissione ed ex presidente della stessa, esprimendo dubbi sull’intervento del ministro dello Sviluppo economico Claudio Scajola. “Il ministro ha titolo per intervenire, ma sulla trasmissione in particolare ho qualche dubbio. Non ho dubbi – ha sottolineato – che la trasmissione abbia violato il pluralismo, è giusto che la commissione parlamentare di Vigilanza se ne occupi anche in maniera tempestiva”.

“Esiste un contratto di servizio – spiega l’ex ministro delle Comunicazioni a margine di un convegno del Pdl a Napoli – e la Rai è sottoposta al Parlamento, e quindi la Commissione parlamentare deve intervenire quando vengono violati gli indirizzi che dà  e questo mi sembra il caso. Se Zavoli denuncia un’ingerenza deve attivare la Commissione. Valuteremo se sono state violate le indicazioni quali quella del pluralismo, io non ho dubbi”. Bisogna agire subito – ha proseguito Landolfi – “perché il parlarne finora ha dato solo vantaggio mediatico alla trasmissione e a chi la conduce. Si devono prendere soluzioni risolutive, occorre affiancare a Marco Travaglio un conduttore che provenga da una cultura diversa e che faccia da controllore per bilanciare”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi