Rai: Adrai, vergognosa e faziosa campagna contro canone

28 Sep 2009 18:50 CEDT Rai: Adrai, vergognosa e faziosa campagna contro canone
ROMA (MF-DJ)–L’Associazione dei dirigenti Rai “denuncia la vergognosa e faziosa campagna di stampa per non pagare il canone di abbonamento alla televisione. Il servizio pubblico – si legge in una nota – e’ indispensabile alla vita democratica del Paese nel rispetto dei principi di completezza, imparzialita’ e pluralismo come previsto dalla legge”.

L’Associazione chiede una difesa dell’azienda “chiara, netta e unitaria da parte del presidente, del direttore generale e del Consiglio d’amministrazione perche’ sottrarre risorse alla Rai significa depauperare sempre di piu’ il servizio pubblico e delegittimarlo agli occhi dei cittadini. Il canone e’ un tributo dello Stato presente nella maggior parte dei paesi europei allo scopo di assicurare il ruolo del servizio pubblico nel campo dei media e in particolare in quello dell’informazione radiotelevisiva”.

“Campagne che invitano al boicottaggio – spiega l’Associazione – sono il segno negativo di qualunquismo e di arroganza da parte di chi non sopporta un servizio pubblico che garantisca tutti i cittadini in un paese libero e democratico. A meno che non si intenda davvero, da parte della politica, togliere le mani dalla Rai e consentirle di operare liberamente sul mercato assegnandole le medesime possibilit… di accesso al mercato pubblicitario riservate ai competitori privati”. com/pev

 
 
(END) Dow Jones Newswires

September 28, 2009 12:50 ET (16:50 GMT)

Copyright (c) 2009 MF-Dow Jones News Srl.

 
 
 
    N/GENI

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi