Editoria

29 settembre 2009 | 10:33

INFORMAZIONE: SERGIO LEPRI,3 OTTOBRE GLI INDIGNATI IN PIAZZA

INFORMAZIONE: SERGIO LEPRI,3 OTTOBRE GLI INDIGNATI IN PIAZZA
ROMA
(ANSA) – ROMA, 28 SET – Tutti coloro si sentono “indignati dalla situazione in cui grava l’informazione in questo momento scendano in piazza il 3 ottobre”: è questo l’invito di Sergio Lepri, storico ex direttore dell’ANSA, 90 anni compiuti il 24 settembre, intervistato dal sito di Articolo21. “Chi più sa più è libero” aggiunge Lepri che riflette sulla società  e sul giornalismo, il cui ruolo, afferma, deve essere ora e sempre quello di “contribuire alla crescita civile della società ”. “Quando iniziai questa professione, diciamo qualche annetto fa, si utilizzava l’espressione ‘quotidiano di informazione’. Ora non esiste più. Si parla più spesso di quotidiani politici. Ovviamente ciò non mi spaventa, poiché tutto è politico. Il problema è quando l’informazione diventa solo lo strumento o il riflesso di poteri, economici o politici – sottolinea Lepri -. Perché il giornalismo è un potere se esprime valori comuni condivisi in una società  evoluta e moderna; se è un servizio che si esercita a favore dei cittadini. Il lettore viene visto non come fine dell’informazione, ma come mezzo per arrivare ad altri scopi – aggiunge Lepri -. Vale ancora di più per la televisione, che è stata un elemento piuttosto coinvolgente (vorrei dire devastante) che ha modificato modi di pensare e comportamenti”. “Per me si deve scendere in piazza per contestare l’indifferenza e l’accettazione passiva da parte della società  italiana di fronte a quello che sta accadendo nell’informazione e nella giustizia – dice Lepri a proposito della manifestazione del 3 ottobre -. E per richiamare tutti alla difesa e al rispetto di quei bellissimi principi contenuti nell’articolo21 della Costituzione. Non può essere una manifestazione dei (per i) giornalisti ma deve porsi l’obiettivo di coinvolgere la società  intera dicendo ‘cari amici indignatevi anche voi per quello che succede…’ Questo dovrebbe essere lo spirito di chi scende in piazza. Io – conclude Lepri – ovviamente ci sarò”.