RAI: ANNOZERO; BELPIETRO, PERCHE’ PARTECIPO

RAI: ANNOZERO; BELPIETRO, PERCHE’ PARTECIPO
ROMA
(ANSA) – ROMA, 1 OTT – “Non partecipare ad Annozero vorrebbe dire mandare in onda il pensiero unico di una sinistra faziosa e forcaiola, senza contraddittorio o repliche”: cosi Maurizio Belpietro spiega la sua decisione di partecipare a Annozero, in un articolo pubblicato oggi sul suo giornale, Libero. Se gli esponenti di destra non partecipassero, si otterrebbe cosi, spiega il direttore, “il solo risultato di garantire l’egemonia informativa di una minoranza rumorosa ed estrema, proprio come per anni è accaduto in tv e sui quotidiani. Ricordate: nel 1974 Indro Montanelli diede vita a un Giornale per dar voce alla maggioranza silenziosa. Voleva che tutti gli italiani moderati potessero far sentire la loro opinione e ci riuscì. Molte cose sono cambiate da allora: i giornali e i giornalisti che interpretano le posizioni liberali e di destra sono aumentati. C’é un solo Fort Apache che resiste e dove le opinioni moderate non hanno diritto di cittadinanza, o se c’e l’hanno sono minoritarie: la Rai. La responsabilità  e senza dubbio della sinistra, ma pure del centrodestra, che non ha fatto nulla per conquistare nuovi spazi e quando ha avuto la guida della tv pubblica, la più grande azienda culturale del paese, non ha saputo cosa farne.”

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi