Editoria

01 ottobre 2009 | 14:40

INFORMAZIONE:ECONOMIST,DA MUSSOLINI MAI GOVERNO COSI’ INTERFERENTE MEDIA

INFORMAZIONE:ECONOMIST,DA MUSSOLINI MAI GOVERNO COSI’ INTERFERENTE MEDIA
(ASCA) – Roma, 1 ott – ”E’ dai tempi di Mussolini che non si aveva un governo italiano che interferisse con i media in maniera cosi lampante e allarmante. I giornalisti, e gli altri italiani, hanno ogni motivo per protestare”. Parola dell’Economist, che nel numero in edicola domani dedica al nostro Paese un lungo articolo su media e potere politico. ”Sabato 3 ottobre si terra’ a Roma una manifestazione per difendere la liberta’ di stampa: non in una lontana dittatura, ma nella stessa Italia” esordisce il settimanale britannico, in un pezzo titolato ”Museruola a chi informa” ed aggiunge: ”I giornalisti che hanno indetto la protesta hanno buone ragioni per preoccuparsi”. Basti consultare la classifica 2009 sull’indipendenza dei media Freedom House’s, dove il nostro Paese e’ declassato tra quelli ”parzialmente liberi” al 73esimo posto, su una lista di 195, appena sopra la Bulgaria. Quanto meno sotto questo profilo osserva l’Economist, ”l’Italia di Berlusconi si sta allontanando dall’Europa occidentale per diventare piu’ simile alle deboli democrazie dell’est”. Poi una lunga ricostruzione: dalle domande di Repubblica e la richiesta di danni avanzata dal premier, ai 2 milioni chiesti a L’Unita’, alla vicenda Mentana, fino al caso Annozero senza dimenticare la campagna lanciata da Il Giornale, ”quotidiano vicino al primo ministro contro il pagamento del canone Rai, da cui dipendono almeno la meta’ degli introiti dell’azienda pubblica”.