LAZIO: OK A LEGGE SU CINEMA E AUDIOVISIVI

LAZIO: OK A LEGGE SU CINEMA E AUDIOVISIVI

ROMA (ITALPRESS) – La commissione Cultura, spettacolo e sport della Regione Lazio, presieduta da Antonio Zanon (Pd), ha approvato all’unanimita’ la proposta di legge “Norme in materia di attivita’ cinematografiche e audiovisive” che rappresenta una sorta di “testo unico” in materia e introduce una serie di rilevanti novita’. Il testo di iniziativa della Giunta, che accoglie in parte due proposte di legge dei consiglieri Claudio Bucci (Idv) e Ivano Peduzzi (Prc), finanzia con un apposito fondo in particolare le produzioni a basso costo e con maggiori difficolta’ distributive, sostiene la fase di pre-produzione con specifico riferimento alle fasi di scrittura, trattamento e sviluppo, assegna contributi a progetti di giovani autori e registi con caratteristiche innovative, ma soprattutto estende alle imprese del settore gli strumenti previsti per le PMI e favorisce l’estensione delle agevolazioni per il credito d’imposta e il reinvestimento degli utili. Altro elemento caratterizzante, il sostegno all’esercizio cinematografico che realizza una programmazione di qualita’, favorendo altresi’ la creazione di un circuito, con misure tese anche a salvaguardare le sale dei centri storici e dei territori piu’ svantaggiati. Accogliendo una proposta della consigliera M.A.
Grosso (Pdci), il testo prevede anche misure a sostegno di iniziative volte a favorire la visione di film in sala anche ai disabili sensoriali attraverso progetti di sottotitolatura e sovrascrittura e interventi tecnologici nelle sale. Infine, si istituisce la Consulta regionale del cinema e dell’audiovisivo, organismo di ampia rappresentanza sociale e professionale, che, fra i suoi compiti, esprime pareri sul documento programmatico triennale e sul programma annuale di attuazione su cui si basa il funzionamento del testo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo