De Agostini: Andrea Boroli esce da Cda B&D Holding

02 Oct 2009 08:44 CEDT De Agostini: Andrea Boroli esce da Cda B&D Holding (MF)

MILANO (MF-DJ)–A Novara parlano di un normale avvicendamento familiare legato a motivazioni strettamente personali e professionali. Andrea Boroli ha deciso di uscire di scena dall’accomandita che riunisce le famiglie Boroli e Drago e che governa la De Agostini.

Il 15 settembre, riferisce MF, la B&D Holding ha approvato la decisione comunicata il 30 giugno scorso da Andrea Boroli di voler abbandonare il consiglio della Sapa e di volere cedere l’azione di categoria B in suo possesso (in totale sono sette) al fratello Marco che, grazie a questa operazione, assume anche il ruolo di socio accomandatario oltre a quello di vice presidente vicario della societa’ operativa.

La scelta di Andrea Boroli (titolare, direttamente e attraverso le quote in usufrutto ai tre figli, del 5,3% del capitale) e’ legata alla volonta’ di concentrare la propria attenzione sulle Officine Grafiche Novara 1909, ossia l’attivita’ che va sotto il cappello Dea Printing. Cosi’ Marco Boroli entra nel ristretto novero degli accomandatari della B&D Holding al fianco di Marco Drago (presidente), Roberto Drago, Giorgio Drago, Alberto Boroli, Renzo Pellicioli e Lino Benassi. Red/mur

(END) Dow Jones Newswires

October 02, 2009 02:44 ET (06:44 GMT)

Copyright (c) 2009 MF-Dow Jones News Srl.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari