Editoria

02 ottobre 2009 | 17:01

POLITKOVSKAJA: PREMIO A REPORTER CHE DENUNCIA NARCOTRAFFICO

POLITKOVSKAJA: PREMIO A REPORTER CHE DENUNCIA NARCOTRAFFICO
(AGI) – Ferrara, 2 ott. – Adela Navarro Bello, direttrice del settimanale Zeta, la rivista messicana piu’ attenta alle vicende della criminalita’ organizzata e del narcotraffico e alla collusione tra politica e cartelli della droga e’ la vincitrice della prima edizione del Premio giornalistico Anna Politkovskaja. Nato su iniziativa della rivista Internazionale, del comune di Ferrara e con la collaborazione della Casa editrice Adelphi, il Premio Politkovskaja e’ un omaggio alla memoria e al lavoro di denuncia della giornalista uccisa il 7 ottobre 2006 per aver denunciato i soprusi di Mosca contro i ceceni. A tre anni dalla sua scomparsa, il Premio vuole sostenere l’impegno e il coraggio di giovani reporter che nel mondo si sono distinti per le loro inchieste: un modo insomma per far conoscere il lavoro dei giornalisti che hanno deciso di raccogliere l’eredita’ della coraggiosa cronista russa. Navarro Bello – che ha partecipato a uno degli incontri iniziali del festival organizzato a Ferrara dal settimanale diretto da Giovanni De Mauro, un incontro dedicato alle nuove frontiere del narcotraffico e dei cartelli della droga messicani – e’ stata piu’ volte minacciata e vive sotto scorta da quando il fondatore di Zeta, Jesus Blancornelas, e’ stato gravemente ferito in un attentato. Il Premio le e’ stato consegnato in apertura del festival dalla sorella di Anna Politkovskaja, Elena Kudimova, insieme a Giovanni De Mauro e Gaetano Sateriale, presidente di Legautonomie Emilia Romagna. Internazionale era stato il primo giornale a pubblicare e tradurre in Italia gli articoli della giornalista russa sulla guerra in Cecenia; in questi anni ha continuato a promuovere il suo lavoro attraverso soprattutto la diffusione del film ‘Letter to Anna’, del regista svizzero Eric Bergkraut