CINEMA: RAI TRADE PORTA “EX” IN SUD AMERICA

CINEMA: RAI TRADE PORTA “EX” IN SUD AMERICA

ROMA (ITALPRESS) – Ex, la pellicola, firmata da Fulvio e Federica Lucisano e Rai Cinema, distribuita nel mondo da Rai Trade, la vedranno anche nelle sale brasiliane e argentine. Il grande successo ottenuto questa estate in Spagna ha fatto da ‘apripista’ per il film di Fausto Brizzi. “È la dimostrazione che il cinema italiano puo’ essere competitivo – spiega Carlo Nardello, Amministratore Delegato di Rai Trade -. L’uscita spagnola di Ex e’ stata molto di piu’ di un semplice segnale incoraggiante. Il successo internazionale di questo film, infatti, arriva a coronare una strategia commerciale nuova che Rai Trade ha proposto negli ultimi anni, crediamo nella necessita’ di avere massa critica per essere presenti sui mercati internazionali. ‘Ex’ andra’ nelle sale di Brasile e Argentina ma anche in Corea, Astralia e Nuova Zelanda. E’ il primo passo per una diffusione capillare di una commedia italiana di grande qualita’. Il mercato di Cannes rappresenta per noi la vetrina piu’ importante per promuovere e diffondere i nostri prodotti. Barbarossa e Sant’Agostino, ad esempio, sono girati in lingua inglese e cio’ permettera’ a queste due pellicole di avere una diffusione importante cosi’ come e’ stato per molte nostre fiction”.
In Sud America ‘Ex’ verra’ anche trasmesso sul piccolo schermo: Lap tv, infatti, ne ha acquisito I diritti di trasmissione satellitari e lo mandera’ in onda nel primo semester del 2010.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo