INTERNET: LA RETE DEL FUTURO PASSA DAI TELEFONINI

INTERNET: LA RETE DEL FUTURO PASSA DAI TELEFONINI, FORUM
PISA
(ANSA) – PISA, 5 OTT – L’accesso alla rete del futuro passerà  dai telefonini, più che dagli accessi tradizionali. Lo rilevano le indagini dei ricercatori del Cnr che sono illustrate nel secondo appuntamento dell’Internet Governance Forum Italia (Igf), da oggi a mercoledì all’Istituto di informatica e telematica del Cnr di Pisa. Il boom di internet, spiegano gli esperti, non è solo nel numero di utenti, ma anche nella proliferazione di accessi attraverso cellulari e dispositivi mobili. I ricercatori del Cnr, infatti, ritengono che l’internet del futuro passerà  prevalentemente dai telefonini. “Oggi – spiegano – quelli capaci di connettersi a internet sono 570 milioni, e il numero dei navigatori mobili è raddoppiato dal 2006 ad oggi, ma entro tre anni le connessioni alla rete via cellulare e wi-fi supereranno quelle tramite rete cablata”. Al centro dei lavori dell’assemblea non ci sono eprò solo questioni tecniche ma anche temi più ampi quali la libertà  di espressione, la sicurezza, l’anonimato, il diritto d’autore, le reti sociali. In assenza di un sistema regolatore, infatti, spiegano gli addetti ai lavori, internet rischia il collasso, sul modello di quanto è già  avvenuto per l’economia mondiale. “Attraverso internet – osserva Stefano Trumpy, dirigente di ricerca all’Istituto di Informatica e Telematica del Cnr – passa lo sviluppo delle società  future, per questo servono regole precise. La governance della Rete italiana e l’individuazione di regole comuni e condivise sono obiettivi primari posti anche dall’Unione Europea”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti