MEDIASET: NESSUN INTERESSE IN SPAGNA PER DIGITAL+ E CUATRO

MEDIASET: NESSUN INTERESSE IN SPAGNA PER DIGITAL+ E CUATRO
MILANO
(ANSA) – MILANO, 6 OTT – Mediaset nega ogni interesse per i canali televisivi spagnoli Digital+ e Cuatro, del gruppo Prisa. E’ quanto si apprende da un portavoce del gruppo che in Spagna controlla Telecinco. “Si tratta solo di indiscrezioni giornalistiche prive di fondamento”, afferma in particolare. Le ipotesi di un interesse del gruppo del Biscione per Digital+ e Cuatro, riferite dai quotidiani spagnoli Expansion e El Economista, mettono intanto le ali a Prisa, con un balzo superiore al 10,5% alla Borsa di Madrid.

MEDIASET: NESSUN INTERESSE IN SPAGNA PER DIGITAL+ E CUATRO (2)
MADRID
(ANSA) – MADRID, 6 OTT – Mediaset, riferiscono oggi i quotidianI economici di Madrid Expansion ed El Economista, sarebbe interessata in Spagna alla filiale audiovisiva del Gruppo Prisa (proprietario di El Pais), formata dalla Cuatro e dal canale via satellite Digital+. Secondo fonti “italo-spagnole” sentite da El Economista il gruppo italiano – azionista di maggioranza di Telecinco – cercherebbe da una parte di promuovere un patto con Prisa per fondere Telecinco con Cuatro. Dall’altro vorrebbe controllare Digital+, che Prisa vuole vendere da tempo a causa del suo pesante indebitamento con le banche, che sfiora i 5 miliaridi euro. Per Digital+, Mediaset cercherebbe l’aiuto di Telefonica che potrebbe cosi estendere la diffusione dei suoi servizi adsl via satellite a tutta la Spagna. L’alleanza di Mediaset con Telefonica – che possiede il 42% di Telco, l’holding che controlla Telecom Italia – aiuterebbe inoltre, secondo El Economista, ad attenuare le difficoltà  che la compagnia di Alierta incontra questi giorni in Italia con Telecom Italia.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi