Comunicazione

06 ottobre 2009 | 18:50

LODO MONDADORI: BORSA SPECULA SU SEGRATE (+6%), CIR +2,4%

LODO MONDADORI: BORSA SPECULA SU SEGRATE (+6%), CIR +2,4%
MILANO
(ANSA) – MILANO, 6 OTT – Al secondo giorno di Borsa dopo la sentenza del Lodo Mondadori la speculazione si concentra soprattutto sul gruppo editoriale di Segrate, che fa un balzo del 6,27% a 3,6 euro, in un tourbillon di ipotesi sulle scelte possibili per l’azionista Fininvest, se realmente dovrà  metter mano al portafoglio per versare 750 milioni di euro alla Cir di Carlo De Benedetti. Quest’ultima, intanto, dopo il rally dell’8,21% segnato ieri, avanza del 2,49% a 1,6 euro, in linea col resto del listino. La Borsa sembra comunque guardare con interesse soprattutto alla Mondadori, complici anche le ricostruzioni di stampa più disparate su riassetti a Segrate o dividendi straordinari per sostenere le casse di Fininvest. Nel quartier generale della holding i legali sono concentrati sul ricorso in appello e la richiesta di sospensiva dell’esecutività  della sentenza ed è difficile aver commenti su scenari ancora futuri, mentre ancora tutte le ipotesi vengono esaminate. Piazza Affari sembra però puntare comunque sul fatto che Mondadori dopo questa vicenda possa valer di più e così sul titolo piovono gli acquisti, con scambi già  doppi rispetto a ieri e quattro volte superiori alla media giornaliera dell’ultimo mese, e con 4,5 milioni di azioni trattate, pari all’1,7% del capitale. Anche su Mediaset c’é interesse, con un rialzo del 2,16% a 4,77 euro, anche se il titolo sembra influenzato più dalle indiscrezioni dei quotidiani spagnoli Expansion e El Economista – espressamente smentite dal gruppo del Biscione – circa un interesse per l’emittente iberica Cuatro, alla quale punterebbe in vista di una fusione con la controllata Telecinco, o per Digital+, sulla quale starebbe cercando un asse con Telefonica. Dopo le vendite di ieri rimbalza anche Mediolanum (+4,4% a 4,77 euro). Mentre nell’orbita De Benedetti sembra più cauta la holding a monte della catena di controllo, Cofide, pressoché piatta (+0,08% a 0,61 euro). Su Mondadori è arrivata tra l’altro anche una promozione da parte degli analisti di Centrobanca (da hold a buy), nell’ambito di una revisione complessiva del comparto dei media. “Il calo nelle inserzioni nei periodici – secondo la banca d’affari – rallenterà  progressivamente per vedere un’inversione nel primo trimestre del 2010″. Centrobanca ha rivisto da hold a buy anche in giudizio su Cir.