Televisione

07 ottobre 2009 | 11:00

Tlc/ Dgtv: Domani Torino e Cuneo passano al digitale terrestre

Tlc/ Dgtv: Domani Torino e Cuneo passano al digitale terrestre
Interessati 2,45 milioni di cittadini

Roma, 6 ott. (Apcom) – Torino e Cuneo passano al digitale terrestre: domani si spengono i segnali analogici per 2,4 milioni di abitanti. Mercoledì 7 ottobre, si legge in una nota di Dgtv, per circa 2.450.000 cittadini residenti nelle provincie di Torino, Cuneo e parte della provincia di Asti, si completa il passaggio alla televisione digitale terrestre, un evento unico nel panorama europeo considerato l’alto numero di cittadini interessati (il 70% della popolazione del Piemonte Occidentale) e il coinvolgimento del capoluogo piemontese (il quarto comune italiano per popolazione).

In base a un monitoraggio dell’istituto Makno, effettuato a due settimane dall’inizio dello switch off (periodo 8-14 settembre), la penetrazione complessiva della tv digitale (almeno una piattaforma fra satellite, terrestre e Iptv, su almeno un televisore) nel Piemonte Occidentale era stimata all’89,4% nella provincia di Torino e all’86,4% nella provincia di Cuneo. Il digitale terrestre svolge un ruolo trainante nella digitalizzazione delle famiglie piemontesi: la sua penetrazione era stimata al 77% in provincia di Torino e al 70% in provincia di Cuneo. Si tratta di un aumento del 10% circa rispetto al dato rilevato subito dopo lo switch over (spegnimento del segnale analogico di Rai Due e Retequattro) del 20 maggio scorso: era rispettivamente al 68% e al 56%.

Il digitale terrestre è la piattaforma maggioritaria anche sul totale del parco televisori (1,8 la media dei televisori presenti nelle case delle famiglie nel Piemonte Occidentale). La percentuale di televisori in grado di ricevere il segnale digitale terrestre era del 63% nella provincia di Torino (52% a maggio) e del 58% nella provincia di Cuneo (43% a maggio).
Molto alto il livello di informazione sulle date dello switch off, anche prima che partisse la massiccia campagna di comunicazione sull’evento: il 95% degli intervistati dichiarava di essere informato dell’imminenza del passaggio, il 70% di ricordare anche le date.

Alla vigilia dello switch off (dati Auditel settembre 2009), il consumo di televisione attraverso la piattaforma Dtt nel Piemonte Occidentale ha superato il 41%, quasi quattro volte il livello pre-switch over che era al 12% nell’aprile scorso. Il consumo via digitale terrestre è prossimo al superamento dell’analogico (43,4%).
Si ricorda che per ricevere il segnale del digitale terrestre, la popolazione coinvolta, dovrà  dotarsi di un decoder digitale da collegare al proprio televisore, oppure di un nuovo televisore che, dallo scorso mese di aprile, è venduto solo se provvisto di decoder integrato. Nella maggior parte dei casi non si dovrà  apportare alcuna modifica all’impianto di ricezione. Il digitale terrestre, infatti, si serve della comune antenna televisiva.

A tutti i cittadini residenti nelle aree interessate dallo spegnimento dei segnali analogici, si raccomanda, a switch off avvenuto, di reinstallare i propri decoder e/o i televisori con decoder integrato, in modo che possano sintonizzare tutti i canali digitali secondo le nuove frequenze assegnate.