MEDIASET: DIGITALIA ’08 LASCIA GESTIONE SPONSOR MILAN E INTER

MEDIASET: DIGITALIA ’08 LASCIA GESTIONE SPONSOR MILAN E INTER
(AGI) – Roma, 8 ott. – Digitalia ’08, la concessionaria pubblicitaria Mediaset partecipata al 100 per cento da Publitalia ’80, focalizza la propria forza sulla tv digitale terrestre. E si svincola dalle attivita’ non coerenti con il core business televisivo, come le sponsorizzazioni sportive. Lo annuncia una nota del gruppo di Cologno Monzese, aggiungendo che “Il processo di razionalizzazione delle attivita’ di Digitalia ’08 e’ iniziato a luglio 2009 con la costituzione, insieme a Mondadori Pubblicita’, di una nuova concessionaria dedicata interamente alla commercializzazione dei prodotti Internet, nella quale confluira’ la vendita dei siti web di Mediaset. E si conclude oggi con la decisione di non proseguire l’attivita’ di gestione degli sponsor di grandi club calcistici. Digitalia ’08 ha pertanto informato le societa’ AC Milan e FC Inter di non aver intenzione di partecipare alle trattative per i rinnovi dei contratti di concessione pubblicitaria in scadenza a giugno 2010”. Giuliano Adreani, presidente e amministratore delegato di Publitalia ’80 commenta quindi che “Digitalia ’08 e’ l’unica struttura di vendita specializzata nella raccolta sul digitale terrestre, la piattaforma emergente della televisione italiana. E’ quindi il partner piu’ affidabile per guidare gli investitori verso le nuove frontiere della comunicazione digitale e nella posizione ideale cogliere i primi segni di ripresa del mercato pubblicitario. Ringraziamo Milan e Inter per l’ottimo lavoro svolto insieme che proseguira’ fino al giugno 2010 e auguriamo loro la migliore fortuna per il futuro”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Scende il valore del sistema media rispetto al 2013. Big lontani dal limite

Cairo Communication: nei nove mesi ricavi in calo a 185,7 milioni di euro. Previsto Mol in sostanziale pareggio per La7 a fine anno

Banzai: nei 9 mesi del 2015 i ricavi salgano a 152 milioni; la perdita cresce a 6,5 milioni di euro