TV:IN ITALIA NON E’ PIU’GIUNGLA SPOT,UE CHIUDE PROCEDURA

TV:IN ITALIA NON E’ PIU’GIUNGLA SPOT,UE CHIUDE PROCEDURA

BRUXELLES
(ANSA) – BRUXELLES, 8 OTT – Per la Commissione Ue la televisione italiana non è più la giungla degli spot. Per questo Bruxelles ha deciso di chiudere la procedura di infrazione nei confronti del nostro Paese, aperta nel dicembre 2007 con l’accusa di un eccesso di tele-promozioni durante i programmi, in violazione della direttiva Ue ‘Tv senza frontiere’. “Accolgo favorevolmente i passi concreti compiuti dall’Italia per adeguarsi alle regole europee in materia di pubblicità  televisiva”, sottolinea la commissaria Ue alle Tlc, Viviane Reding, per la quale “grazie alla collaborazione tra autorità  nazionali e Commissione Ue i telespettatori in Italia sono ora meglio protetti da regole chiare”.(ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Scende il valore del sistema media rispetto al 2013. Big lontani dal limite

Cairo Communication: nei nove mesi ricavi in calo a 185,7 milioni di euro. Previsto Mol in sostanziale pareggio per La7 a fine anno

Banzai: nei 9 mesi del 2015 i ricavi salgano a 152 milioni; la perdita cresce a 6,5 milioni di euro