CIR: FT; R. DE BENEDETTI, CAMBIATA RADICALMENTE STRUTTURA

ECO:CIR
2009-10-12 10:16
CIR: FT; R. DE BENEDETTI, CAMBIATA RADICALMENTE STRUTTURA
ROMA
(ANSA) – ROMA, 12 OTT – Il Financial Times, che dedica una lunga intervista a Rodolfo De Benedetti, ricorda che l’a.d. di Cir ne “ha radicalmente cambiato la struttura corporate, eliminando molti dei sette livelli di holding e delle differenti classi di azioni”. Inoltre, ha “maggiormente focalizzato il gruppo, che adesso opera solo in cinque settori, contro gli oltre dodici presenti al momento del suo arrivo: media, componenti auto, energia, salute e servizi finanziari”. Comunque, dice De Benedetti sorridendo: “Siamo l’intersezione delle cose peggiori. Siamo una compagnia familiare, una holding, una conglomerata. E siamo italiani”. Ma, sottolinea il Ft, “non pensa che sia un male”. Prosegue infatti De Benedetti: “C’é un uomo che è normalmente considerato come uno dei migliori investitori del mondo, Warren Buffet. Guida una compagnia familiare, una holding che è una conglomerata”. Rodolfo De Benedetti, nel corso dell’intervista descrive il rapporto con il padre, Carlo. “Abbiamo avuto disaccordi su come fare le cose, a volte sulle persone, ma non abbiamo mai veramente vissuto alcun reale dissenso sulla direzione che il gruppo avrebbe dovuto seguire”. “Penso che mio padre – afferma De Benedetti – sia più impulsivo. Io penso di essere più riflessivo. Lui è più impaziente di quanto sia io. Lui è più intuitivo”. De Benedetti racconta anche che il padre “ha sempre usato la moral suasion” perché entrasse nell’azienda di famiglia e aggiunge che “può essere molto ostinato”. Quanto alle polemiche tra Cir e Silvio Berlusconi, De Benedetti preferisce non commentare: “La polemica tra Berlusconi e La Repubblica – si limita a dire – dovrebbe rimanere tra loro”. E, riferendosi all’invito del premier agli industriali a non dare pubblicità  ai quotidiani di sinistra, osserva: “Penso che sia qualcosa che il primo ministro non dovrebbe fare. E’ una questione di concorrenza. E’ una questione di democrazia”. Nessun commento, invece, sul risarcimento relativo al Lodo Mondadori, sentenza arrivata dopo che l’intervista al Ft era stata rilasciata: “Né De Benedetti né la Cir – spiega il quotidiano finanziario – hanno voluto commentare”.(ANSA).
FP/ S0A R64 QBXC

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari