EDITORIA:NON PIU’ ON LINE VOCABOLARIO DE MAURO,PROTESTA ADUC

SPE:EDITORIA
2009-10-12 12:55
EDITORIA:NON PIU’ ON LINE VOCABOLARIO DE MAURO,PROTESTA ADUC
ROMA
(ANSA) – ROMA, 12 OTT – Dalla scorsa settimana il dizionario ‘De Mauro’ della casa editrice Paravia non più online. Lo denuncia l’associazione di consumatori Aduc, che chiede parla di “decisione legittima ma criticabile” e chiede alla casa editrice di riattivare il servizio, sottolineando che già  dopo qualche ora dall’oscuramento erano tantissime le proteste degli utenti. A quanti protestavano, riporta l’associazione, la casa editrice rispondeva di aver dovuto porre termine al servizio, “essendo l’opera fuori catalogo”. Da qui la reazione dell’associazione: “Solitamente gli scarti e le rimanenze di magazzino si regalano o si vendono a prezzi stracciati, commentano dall’Aduc, non per la Paravia le cui edizioni fuori catalogo, evidentemente, diventano pezzi da collezione!”. Niente di illegale, sottolinea l’Aduc, “la consultazione era gratuita e non è stato leso il diritto di nessuno. Una decisione legittima, ma criticabile; l’ ennesima dimostrazione dell’incapacità  e dell’imbarazzo delle nostre case editrici nell’utilizzo di Internet. La riprova – sostiene – di una strategia commerciale che non vede al di là  di un palmo dal proprio naso”. Sparire da Internet, “ignorare questo mezzo di comunicazione, significa, oltre che non capire le esigenze della propria utenza, voler ridimensionare la propria presenza sul mercato. Il nostro auspicio -conclude l’associazione – è quello di vedere ripristinato il servizio in favore di quegli utenti”traditi” da tanto estemporanee quanto immotivate. (ANSA).
LB/ S0B QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari