Editoria

14 ottobre 2009 | 14:19

EDITORIA: IN ITALIA CALO FATTURATO TITOLI E COPIE

EDITORIA: IN ITALIA CALO FATTURATO TITOLI E COPIE
(AGI) – Francoforte, 14 ott. – Sono tutti con il segno meno i dati dell’editoria italiana nel 2008. Dal rapporto sullo stato dell’editoria dell’Associazione italiana editori (Aie), reso noto oggi in apertura della Buchmesse a Francoforte, emerge che lo scorso anno il fatturato e’ diminuito del 3%, per assestarsi a 3,5 miliardi di euro, mentre i titoli pubblicati sono stati 59mila (2mila in meno rispetto al 2008), per un totale di 235milioni di copie (-12%). Il dato positivo e’ invece che in Italia e’ tornata a crescere la lettura, con il 44% degli italiani che leggono almeno un libro all’anno, anche se lo zoccolo duro dei lettori e’ costituito dal 14% degli italiani, che da soli generano il 41% delle vendite. Buoni i risultati delle vendite di libri per ragazzi (0-14 anni) nei canali trade (libreria, Grande distribuzione organizzata – Gdo -, librerie online, edicola), che corrispondono a 149,7milioni di euro (+9,1% sul 2007) rispetto a un +1,1% del generale settore della varia adulti, mentre il mercato scolastico registra un rallentamento del 5,5% nelle vendite. Contrazione dovuta a un probabile accentuarsi del fenomeno dell’usato. Aumento considerevole dei punti vendita delle catene di librerie, che nel 2007 erano 314, ma oggi sono triplicate, su un totale di 1.880 librerie sull’intero territorio nazionale. Per quanto riguarda i canali d’acquisto, crescono l’online (+26,8%) e le edicole (+2,7%), mentre la Gdo (banco libri e grandi magazzini) risente con un -2,9% degli effetti piu’ generali della contrazione delle spese delle famiglie nella grande distribuzione organizzata. Torna in ogni caso a crescere la lettura, poiche’ i lettori di almeno un libro nel 2008 sono stati 24milioni (+0,9% sul 2007), ma i lettori di un libro al mese sono stati solo 3,2 milioni. Nel 2008 i lettori di almeno un libro non scolastico nei dodici mesi precedenti sono saliti al 44% (+0,9% sul 2007) della popolazione con piu’ di 6 anni di eta’.

EDITORIA: IN ITALIA CALO FATTURATO TITOLI E COPIE (2)
(AGI) – Francoforte, 14 ott. – In calo anche la tiratura media complessiva, che e’ passata dalle 4.910 copie per titolo nel 2000 alle 3.980 copie per titolo nel 2007, con una flessione di quasi il 20% in sette anni. E’ aumentata invece la vendita di diritti all’estero, con l’export cresciuto dello 0,9%, mentre sono diminuite le traduzioni. Fino al 2002 un titolo su quattro pubblicato in Italia era una traduzione da una lingua straniera (tra i libri per ragazzi l’incidenza era del 48%). Rilevante l’incremento del numero di titoli di cui gli editori italiani cedono i diritti all’estero, che dal 2001 a oggi e’ aumentato del 94%, raggiungendo il numero di 3.490 titoli venduti (di cui il 29% e’ costituito da libri per bambini, il 28% dai libri di saggistica e il 17% dall’editoria illustrata). Si esporta maggiormente in Europa (77% del totale), ma in Asia la percentuale e’ pressoche’ raddoppiata dal 2001, fino a raggiungere nel 2007 l’11,5% del totale. Le case editrici attive in Italia sono 2.600, con 38mila addetti della filiera. Cifre poco incoraggianti anche per i primi mesi del 2009, con un -2,2% a valore nel primo semestre ed un -4,2% a volume. Anche il mercato del libro ha dunque iniziato in questa prima parte del 2009 a mostrare i primi segnali di difficolta’.