Mediaset: nessuna cedola extra (MF)

15 Oct 2009 08:37 CEDT Mediaset: nessuna cedola extra (MF)

MILANO (MF-DJ)–Sebbene Mediaset “in teoria puo’ pensare”, come dice il presidente Fedele Confalonieri, a distribuire un dividendo extra oltre a quello ordinario (previsto ammontare a 0,25-0,30 euro per azione), in pratica il gruppo televisivo non ha un’opzione del genere allo studio nonostante disponga di riserve per circa 2 miliardi, 800 milioni dei quali immediatamente distribuibili. “Non e’ assolutamente in agenda lo studio della distribuzione di un’ulteriore cedola agli azionisti”, spiega un autorevole fonte vicina alla societa’ controllata al 38% da Fininvest.

Le ragioni sono due, spiega un articolo di MF. Innanzitutto, la holding della famiglia Berlusconi non ha urgenza di ricevere dalle societa’ controllata ulteriori apporti di liquidita’, potendo disporre di una cassa di 700 mln euro (dato al 30 giugno). In secondo luogo “distribuire gran parte delle riserve aziendali attraverso una cedola straordinaria significherebbe garantire un vantaggio economico non solo a Fininvest ma anche al mercato, visto che il flottante del gruppo e’ superiore al 60%”, prosegue la fonte che sta studiando i piani di sviluppo di Cologno Monzese.

Invece, quello che stanno studiando i manager del gruppo tv e’ l’eventuale emissione di bond per alcune centinaia di milioni, che servirebbero esclusivamente ad allungare i termini dell’indebitamento totale (1,5 miliardi), la cui scadenza media attualmente e’ fra 3 e 4 anni. L’obiettivo sarebbe portarla a 10. red/vz

(END) Dow Jones Newswires

October 15, 2009 02:37 ET (06:37 GMT)

Copyright (c) 2009 MF-Dow Jones News Srl.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari