INFORMAZIONE: MALINCONICO, LIBERTA’ STAMPA ESENTE DA INGERENZE

INFORMAZIONE: MALINCONICO, LIBERTA’ STAMPA ESENTE DA INGERENZE
(AGI) – Roma, 16 ott. – La liberta’ di stampa deve essere esente da ingerenze da parte delle autorita’ pubbliche e incontra i limiti previsti dalla legge e necessari in una societa’ democratica. E’ questo il pensiero del Presidente della Fieg, Carlo Malinconico, che sottolinea il significato della cerimonia per la Giornata dell’Informazione, svoltasi al Quirinale, e “dell’alto messaggio rivolto dal Presidente della Repubblica al mondo dell’informazione, messaggio che ha richiamato i principi non solo della Costituzione italiana, ma anche della Convenzione europea dei diritti dell’uomo”. “Tali principi – osserva Malinconico – indicano che la liberta’ di stampa contraddistingue i sistemi democratici. Proprio il richiamo all’articolo 10 della Convenzione europea impone di considerare che la liberta’ di stampa, da un lato, deve essere esente da ingerenze da parte delle autorita’ pubbliche e, dall’altro, incontra i limiti, ma solo i limiti, previsti dalla legge e che sono strettamente necessari, in una societa’ democratica, a garantire la sicurezza, la prevenzione dei reati e la tutela delle indagini, la reputazione delle persone. E’ un generale criterio di bilanciamento proprio dei sistemi democratici”. “In un siffatto contesto generale – conclude Malinconico – norme speciali che nel nostro sistema prevedono specifici reati, anche quello di offesa all’onore o al prestigio del Presidente della Repubblica (articolo 278 codice penale) ben possono essere abrogati, e senza particolari difficolta’, da parte del legislatore italiano, solo che si assuma la necessaria iniziativa legislativa”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari