Borsino dei direttori

16 ottobre 2009 | 17:23

da conduttore a direttore del ‘Tg3′

Incassa il voto unanime del Cda della Rai e va a dirigere il Tg3 al posto di Antonio Di Bella, prima e non dopo il congresso del Pd. Sul nome di Bianca Berlinguer, primogenita dei quattro figli dello storico leader del Pci Enrico Berlinguer e della giornalista televisiva Letizia Laurenti, volto televisivo del Tg3 delle 19, caldeggiato dai dalemiani e dall’ala sinistra del Pd, alla fine hanno convenuto tutti.
Dopo Daniela Brancati e Lucia Annunziata, Berlinguer è la terza donna a dirigere il telegiornale della terza rete. Nata a Roma ma “sarda a metà ”, viste le origini del padre, 49 anni, una figlia (Giulia, 10 anni), è la compagna dell’ex senatore Luigi Manconi. Dopo gli studi al classico e quelli di lettere interrotti poco prima della tesi, muove i primi passi collaborando giovanissima con Il Messaggero e L’Espresso. Nel 1985 entra come programmista regista nella redazione di ‘Mixer’ di Giovanni Minoli (Raidue) e con lui continua a collaborare fino all’89: “Cominciare lavorando in una trasmissione come quella mi ha permesso di approfondire anche tecnicamente questo mestiere in tempi e modi che in un tg non sarebbero stati consentiti”, dice Bianca Berlinguer. È quindi praticante al Radio Corriere Tv e nel 1990 diventa giornalista professionista. Nel 1991 entra in pianta stabile al Tg3.

(La versione integrale dell’articolo è sul mensile Prima Comunicazione n. 399, Ottobre 2009)