INCHIESTA MEDIASET: BERRUTI; GIUDICI, SI’ A MILLS TESTE

INCHIESTA MEDIASET: BERRUTI; GIUDICI, SI’ A MILLS TESTE
MILANO
(ANSA) – MILANO, 19 OTT – I giudici dell’ottava sezione penale del Tribunale di Milano hanno deciso di ammettere la testimonianza dell’avvocato inglese David Mills nel processo a carico del parlamentare del Pdl Massimo Maria Berruti accusato di riciclaggio in relazione a presunte irregolarità  nella compravendita di diritti televisivi da parte di Mediaset. Nella scorsa udienza il pm Fabio De Pasquale aveva rinunciato al teste Mills, imputato di reato connesso nel troncone principale sui diritti televisivi, anche per via delle difficoltà  di notifica dell’atto di citazione, mentre sulla necessità  di sentire Mills (condannato in primo grado a 4 anni e 6 mesi per corruzione in atti giudiziari) aveva insistito l’avvocato Giorgio Perroni, difensore di Berruti. Per il legale, infatti, “Mills è un teste fondamentale in quanto, nella ricostruzione dell’accusa, è uno degli ideatori del sistema di società  off- shore”, attraverso il quale si sarebbe realizzato il falso in bilancio presupposto del riciclagio di cui è accusato il parlamentare Pdl. Mills, dunque, riceverà  la citazione da parte del Tribunale nella sua residenza londinese.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari